facebook
youtube
vimeo
pinterest
instagram
The M. Point

marzo 2014

ISRAELE - Deserto, Gerico, Mar Morto - giorno 3

     Il terzo giorno in Terra Santa è stato sicuramente il più emozionante: sveglia alle 6 e partenza per Gerico attraverso la Valle del Giordano, fermandoci in cima ad una montagna. Da li abbiamo iniziato un percorso a piedi fino ad un monastero, e poi una bellissima camminata di due ore nel deserto dal monastero a Gerico. I paesaggi erano indescrivibili, molto rocciosi e pieni di fiori sparsi lungo la via; abbiamo camminato in fila indiana passando accanto a precipizi altissimi. Durante abbiamo riflettuto sul tema del silenzio, per entrare più in contatto con la nostra interiorità. La cosa più emozionante è stato il canto delle preghiere islamiche, provenienti da Gerico attraverso la valle, mentre camminavamo, in un clima di immensità ed enormità. Alla fine del tragitto c'erano sempre i bellissimi carrettini, dove si poteva comprare un bicchiere di melograno spremuto.

Poi ci siamo spostati nel cuore della città per prendere una funivia per il monastero della quarantena, luogo inimmaginabile, costruito nella roccia della montagna, nella quale secondo i racconti della Bibbia, Gesù avrebbe trascorso 40 giorni di digiuno, e sarebbe stato tentato dal Diavolo, senza adempire. Qui i frati greci ortodossi hanno costruito, scavando la roccia, delle grotte collegate con una chiesetta a metà tra lo strapiombo di un centinaio di metri e la montagna. Attualmente vi vivono 6 frati, in un clima di pace e tranquillità, rotta solo dai turisti. Vi è questo balcone che affaccia sulla valle: spettacolare, come potete ben vedere dalle foto.

Poi abbiamo pranzato lungo la strada per il Mar Morto, trovando finalmente le patate e la cotoletta di pollo, oltre alle solite cibarie (verdure, pollo, pesce); arrivati a destinazione abbiamo fatto il bagno, prima coprendoci con i fanghi poi immergendoci, per vivere finalmente l'emozione di galleggiare. Infatti nel Mar Morto vi è un'altissima presenza di sale (35%) e si galleggia, senza volerlo; sensazione stranissima, e finalmente sono riuscito a fare il morto senza impegno. Dopo l'acquisto di alcuni prodotti tipici siamo risaliti a bordo dell'autobus alla volta di Betlemme, dove siamo arrivati in serata, per cenare con lo stesso piatto che ormai ci accompagna per tutto il viaggio.

Sicuramente delle esperienze bellissime, che ti fanno entrare in contatto con la cultura del luogo, e per chi è credente con la fede stessa.

Ti ringraziamo per aver letto il nostro post.

Mi raccomando. Seguici su:


facebook
youtube
vimeo
pinterest
instagram

Martina & Matteo

Amanti dell'avventura. Viaggiare è scoprire una nuova cultura, un nuovo modo di vivere, una nuova cucina e delle persone meravigliose.

Di giorno lavoriamo, di notte sogniamo.


Il nostro hashtag: #TRAVELLING_is_life

14502714_1238530702876878_5241323339603667039_n

POST CORRELATI

1476045367442.JPG1476045459155.jpg1476045478784.jpg

THE M. POINT


Se vi va, registratevi alla nostra NEWSLETTER

(tranquilli, niente spam :D)


© 2017 The M. Point. All rights reserved.

Create a website