facebook
youtube
vimeo
pinterest
instagram
The M. Point

settembre 2017

LE CINQUE TERRE

     Favignana è il gioiello delle Isole Egadi, nel Mar Mediterraneo ad ovest della Sicilia, proprio vicino Trapani.

Ciao a tutti

Lo scorso weekend mi sono recato alle Cinque Terre con mia madre e le abbiamo visitate in giornata. Mi piacerebbe farvi una guida schematica su come visitarle e viverle al meglio.

Le Cinque Terre sono un sito Patrimonio dell’Unesco e si trovano in Liguria in provincia di La Spezia.

IL SENTIERO AZZURRO

Il sentiero consigliato per chi non è esperto di trekking e vuole spostarsi in giornata a piedi è il numero 2, noto anche come Sentiero Azzurro. Non è un sentiero complesso e offre degli scorci panoramici mozzafiato.

Si tratta di un percorso già esistente nel Medioevo, per secoli unica via di comunicazione fra gli abitanti del litorale. Dal Sentiero Azzurro partono anche decine di mulattiere che salgono fino al crinale, disegnando una fittissima ragnatela di percorsi attraverso muretti a secco, piccoli nuclei abitati e Santuari.

Vi consiglio, prima di partire, di controllare sempre sul sito del Parco Nazionale Cinque Terre quali siano i sentieri aperti.

In questo momento il sentiero panoramico è aperto soltanto tra Monterosso e Vernazza e tra Vernazza e Corniglia.


Le distanze e i tempi di percorrenza (che ci abbiamo messo noi!) sono i seguenti:

Monterosso – Vernazza: distanza / tempo 1.45 h

Vernazza - Corniglia: distanza / tempo 1.45 h




COME ARRIVARE - DOVE PARCHEGGIARE - COSTO DI INGRESSO AL PARCO NAZIONALE

In autostrada se arrivate da Milano/Genova uscite a Carrodano

- Monterosso, nella discesa: 18 euro al giorno

- Monterosso, vicino al mare: 25 euro al giorno

Costo del biglietto

-        Trekking: 7,50 euro (permette di accedere al percorso a piedi)

-        Trekking + Treno: 16,50 euro (permette di accedere al percorso e di usare il treno)


DOVE MANGIARE

Assolutamente no a Vernazza.

Pranzo/Aperitivo a Corniglia.

Cena a Riomaggiore. E' il paede che offre i ristoranti più interessanti dove mangiare pesce e prodotti locali ligure.


Provate la pasta alla Scarpara, o al Pesto ligure.

Alla sera noi abbiamo provato un valido abbinamento: pasta con vongole, pomodorini datterini e pesto.


IMG_1716.JPGDSC_0939.JPGIMG_1688.JPGIMG_1696.JPGDSC_0915.JPG

MONTEROSSO

L'edificio che predomina il porto dell'isola è il maestoso Ex Stabilimento Florio della tonnara di Favignana.


La tonnara è l'insieme di reti che servono per la pesca del tonno rosso ed è anche il luogo dove avveniva la mattanza. Da questo rito prende il nome impropriamente l'edificio.


Lo stabilimento costruito dalla famiglia Pallavicini di Genova, passò nell'800 nelle mani dei Florio, potentissima famiglia siciliana che ampliò l'edificio e lo portò al suo massimo splendore. Diede lavoro a centinaia di persone ed oggi è un fantastico museo.


Purtroppo fu dismesso qualche anno fa per mancanza di tonni. Infatti durante la visita ci hanno spiegato che a causa della pesca nell'Oceano Atlantico si impedisce ai tonni di arrivare nel Mar Mediterraneo, luogo dove deponevano le uova e si rischia una loro diminuzione. Pensate che i tonni rossi sono enormi: possono vivere fino a 15 anni e arrivano a pesare anche 500 kg (in pratica sembrano degli squali).


Si parla di mattanza dei tonni perchè l'uomo induceva i pesci ad entrare dentre alle tonnare, enormi reti posizionare nel mare, formate da diverse stanze dalle quali non riuscivano più ad uscire. I tonni si trovavano quindi stretti all'interno della rete e si uccidevano tra di loro a causa delle loro affilatissima pinna. E poi venivano pescati dagli uomini.


Il museo merita la visita e vi consiglio di andarci di sera. Chiude alle 23.

ex_stabilimento_florio_favignana_tonnara_2ex-Stabilimento-Florio-delle-tonnare-di-Favignana-e-Formica-4Ex-Stabilimento-Florio-della-Tonnara-di-Favignana1ex_stabilimento_florio_favignana_tonnara_6

VERNAZZA

Sulla montagna dell'isola sorgono i resti del castello fatto edificare durante la dominazione spagnola, sui resti di due torri saracene risalenti all'ottavo secolo a.c..

Si ci arriva solo a piedi, e noi da bravi scalatori, abbiamo lasciato le nostre biciclette ai piedi del monte e siamo saliti. Ci vogliono 45 minuti. Niente di trascendentale. Dalla cima si ha una vista panoramica di Favignana, Marettimo, Levanzo e della Sicilia. Il castello è abbandonato, ed io sono voluto entrare a mio rischio e pericolo.

DSC_0946.JPGDSC_0965.JPGDSC_0962.JPGDSC_0956.JPGDSC_0952.JPGIMG_1728

CORNIGLIA

​Favignana è stata martoriata nei secoli perchè ricca di roccia di calcarenite, che veniva estratta in blocchi ed utilizzata per costruire le abitazioni o esportata sulla terraferma.


Oggi l'estrazione è ferma e sono rimaste sull'isola tantissime cave di tufo, chiamate pirrere, molto affascinanti. Alcune sono anche state abitate, essendo sottoterra e quindi ombreggiate, altre (la maggior parte abbandonate).


Ed è stata proprio per la passione di una grande donna, che noi oggi possiamo visitare il Giardino dell'Impossibile. Infatti la signora Maria Gabriella Campo negli ultimi quarant'anni ha acquistato diverse cave di tufo annesse alla sua abitazione e ha creato all'interno un giardino incredibile, dove crescono piante che arrivano da ogni parte del mondo. Infatti durante ogni viaggio la signora portava a casa con se semi o piccole piantine da mettere nel suo giardino.


Oggi questo luogo fantastico è visitabile tramite prenotazione. Da vedere!

GIARDINO-IPOGEO-mappa-e-sezioniDSC_0934.JPGDSC_0975.JPGDSC_0973.JPGDSC_0970.JPG

MANAROLA

Marettimo è la più dolomitica delle 3 isole. Ha un piccolo paesino dove predominano due colori: il bianco delle case ed il blu delle persiane. Sui suoi lati l'isola ha innumerevoli grotte da visitare con una gita in barca.

DSC_0991.JPGDSC_0993.JPGDSC_0999.JPGDSC_1007.JPGDSC_1009.JPGDSC_1019.JPG

RIOMAGGIORE

Si tratta di una grotta dove sono stati scoperti graffiti ed incisioni risalenti al Paleolitico ed al Neolitico. Anche questa visita va prenotata.

DSC_1038.JPGIMG_1802.JPGIMG_1804.JPGDSC_1054.JPGDSC_1050.JPGDSC_1045.JPG

FOOD

In ogni viaggio che faccio, per me la cosa più importante rimane il cibo, i piatti che assaggio e tanto pesce. Qui parola d'ordine: tonno rosso.

Amo la Sicilia e le mandorle: è fantastico svegliarsi con il latte di mandorla, far merenda con la cassata ai pistacchi, bersi una granita alle mandorle e mangarsi dopo cena uno/due cannoli ripieni di ricotta.

Per quanto riguarda i ristoranti, ce ne sono molti tradizionali, ma uno in particolare mi ha colpito. Si chiama Sotto Sale, ha una cucina fusion tra quella tradizionale dell'isola e quella giapponese: tartare di tonno rosso crudo, ventresca di tonno, risotto ai gamberi di Mazzara... Consigliato.

IMG_1666.JPGIMG_1745.JPGIMG_1704

Ti ringraziamo per aver letto il nostro post.

Mi raccomando. Seguici su:


facebook
youtube
vimeo
pinterest
instagram

Martina & Matteo

Amanti dell'avventura. Viaggiare è scoprire una nuova cultura, un nuovo modo di vivere, una nuova cucina e delle persone meravigliose.

Di giorno lavoriamo, di notte sogniamo.


Il nostro hashtag: #TRAVELLING_is_life

14502714_1238530702876878_5241323339603667039_n

POST CORRELATI

1476017289756.jpg1476017323669.JPG1476017362430.JPG

THE M. POINT


Se vi va, registratevi alla nostra NEWSLETTER

(tranquilli, niente spam :D)


© 2017 The M. Point. All rights reserved.

Create a website